LA RIVIERA DEL CONERO

Il Parco Naturale del Monte Conero è caratterizzato da alte falesie che precipitano a mare e vedute panoramiche di grande suggestione, offre innumerevoli paesaggi e colori che meravigliano e coinvolgono i visitatori a molteplici livelli. Le alte pareti strapiombanti del Monte Conero, l’emergenza geologica e naturalistica più importante del medio Adriatico, creano insenature e spiagge di rara bellezza, raggiungibili a piedi o via mare. Il Parco rappresenta un vero e proprio paradiso per gli amanti del birdwatching, soprattutto nel periodo delle migrazioni dei rapaci. I numerosi sentieri rispondono alle esigenze di coloro che amano la mountain bike, il trekking, l’equitazione. Le pareti rocciose si prestano per l'arrampicata libera e il free climbing. Le acque limpidissime sono ideali per gli amanti di immersioni, di pesca sportiva, di vela, di sci nautico, di windsurf e kitesurf. Le pendici del Conero ben si prestano inoltre come punti di partenza per voli in deltaplano e parapendio. Sotto la costa dirupata, si trovano diverse baie, come la spiaggia Urbani, con l’omonima grotta che termine a nord con una rupe alta; la spiaggia di San Michele, ghiaiosa e attrezzata di stabilimenti balneari; la spiaggia dei Sassi Neri, caratterizzata dalla presenza sulla battigia di blocchi di scisti neri di origine sedimentaria; la spiaggia delle Due Sorelle, la più caratteristica e nota di Sirolo, così denominata per i due scogli gemelli che emergono dal mare: è la prima spiaggetta bianca del fianco sud del Monte Conero, raggiungibile via mare grazie ad imbarcazioni che, durante il periodo estivo, partono giornalmente dal porto di Numana.

RECANATI

Situata al centro della Regione Marche, in una posizione strategica, tra costa e l’entroterra, Recanati è la tipica "città balcone" per l'ampio panorama che vi si scorge. Qui nacquero Giacomo Leopardi, uno dei più grandi poeti italiani della letteratura italiana e Beniamino Gigli, noto cantante lirico. Recanati è candidata a Capitale Italiana della Cultura 2018. Tra i principali siti di interesse turistico spiccano i luoghi leopardiani: la piazzetta "Sabato del villaggio", su cui si affacciano il settecentesco Palazzo Leopardi, casa natale del poeta, che custodisce la preziosa Biblioteca contenente oltre 20.000 volumi e la Casa di Silvia; il “Colle dell’Infinito”, la sommità del Monte Tabor che ispirò l'omonima poesia composta dal poeta a 21 anni.

ABBADIA DI FIASTRA

L’Abbazia Santa Maria di Chiaravalle di Fiastra costituisce uno dei monumenti più pregevoli e meglio conservati in Italia dell'architettura cistercense e rappresenta la più alta testimonianza della presenza dei Cistercensi nelle Marche, che vi arrivarono nel 1142 dal monastero di Chiaravalle di Milano. Con i suoi ambienti pressoché intatti e ancora abitati dai monaci, l’abbazia offre ai tutti visitatori, abituali e non, la possibilità di partecipare alla vita religiosa e di immergersi in una suggestiva atmosfera di spiritualità. Oggi l’abbazia è inclusa nella Riserva Naturale omonima, che copre un territorio di 1.800 ettari, tra i comuni di Urbisaglia e Tolentino, ad una decina di chilometri da Macerata: la riserva naturale Abbadia di Fiastra nasce per proteggere le terre appartenute ai monaci cistercensi e da loro plasmate nel corso dei secoli e dove è ancora possibile godere di un ambiente accogliente ed armonioso, espressione di un rapporto equilibrato tra uomo e natura. La Riserva Naturale, grazie a tutto questo, rappresenta quindi un bene che va vissuto nel suo insieme, ma anche salvaguardato e gelosamente custodito, quale retaggio da tramandare alle future generazioni. È anche possibile effettuare passeggiate a cavallo, per immergersi del tutto nella natura ed ammirare i luoghi da un'altra inusuale e divertente prospettiva.

LO SFERISTERIO DI MACERATA

Lo Sferisterio di Macerata è una struttura teatrale unica nel suo genere architettonico. Voluto dall’iniziativa di Cento Consorti, fu progettato nel 1823 dall’architetto neoclassico Ireneo Aleandri, per il gioco della palla al bracciale. Solo nel 1921 venne trasformato in un teatro lirico, l’unico a cielo aperto, che ospita ogni estate una prestigiosa stagione lirica, il Macerata Opera Festival. La struttura monumentale ma intima, con i suoi 2500 posti, 104 palchi e il palcoscenico più lungo d’Europa, garantisce una perfetta visibilità e un’eccellente acustica.

Caricamento...
Ops!
Stai utilizzando un broswer che non sopportiamo pienamente. Per favore aggiornalo per un'esperienza migliore.
Il nostro sito funziona al meglio con Google Chrome.
Come aggiornare il broswer